Guida (ironica) per sopravvivere a Rio 2016

rio 2016Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016: tema di proteste e grandi manifestazioni pubbliche da parte di tutti gli abitanti della città e, in generale, del Paese. Le questioni sociali, economiche e politiche sono un tasto dolente perché si intrecciano con temi delicati quali disuguaglianza sociale, mancanza di un sistema scolastico e sanitario decente, infrastrutture per i cittadini e povertà diffusa.
Ho contattato Marcela Tavares, comica brasiliana e famosa facebooker, come si autodefinisce nel suo video, la quale mi ha dato il permesso per tradurre la sua Guida per sopravvivere a Rio 2016, nella quale usa l’ironia per protestare contro l’attuale situazione brasiliana. Il video pubblicato su Youtube ha già superato le 200.000 visualizzazioni e il suo canale personale ha oltre 340.000 iscritti.

Ecco a voi i suoi consigli ironici… o forse no.

Come sopravvivere a Rio 2016?

Questo video è per coloro che hanno già le valigie pronte, che contano i giorni che mancano ai Giochi Olimpici e che non sono mai stati in Brasile; è per coloro che pensano che Rio di Janeiro sia solo spiagge, sole, favelas, samba e culi. Vi sbagliate!

La Città Meravigliosa offre molto di più e devi essere furbo se vuoi tornare a casa sano e salvo e con tutti i tuoi averi. Quindi, pensando a te, caro turista, ho deciso di fare questo meraviglioso tutorial per aiutarti a sopravvivere nella Città Olimpica.

Evitare trasporti pubblici

Gli autobus di Rio de Janeiro sono preistorici, l’aria condizionata non funziona, consumano un sacco di benzina e, come risaputo nel mondo, siamo in piena crisi nazionale. Il costo del biglietto è alto e non ci sono abbastanza posti a sedere e rischi di essere derubato. BRT e VLT sono mezzi di trasporto creati per prendere in giro i più poveri e riempire le tasche dei politici corrotti. Oltre ad essere ammassati come sardine in barattolo, non c’è sicurezza: in ogni momento rischi di essere molestato da un vecchio pervertito e ovviamente potresti essere derubato.

La linea 4 che collega Ipanema a Barra da Tijuca è costata 9 miliardi di Reais. Esatto, 9 miliardi di Reias (oltre 2 miliardi e mezzo di euro) per essere pronta giusto per l’inizio dell’evento, quindi fai attenzione poiché potrebbe smettere di funzionare in qualsiasi momento o cadere qualcosa sopra la vostra testa. Inoltre l’accesso è riservato esclusivamente a chi assiste ai Giochi Olimpici. E il resto della popolazione? Ah, che si fotta. E chiaro… potresti essere derubato. 

Fai attenzione ai taxisti: alcuni di questi meravigliosi signori amano approfittarsi di gente come te, caro turista, che non conosci la Città (quasi) Meravigliosa. Una corsa che normalmente costa 20$ finiresti per pagarla 100$, ma avrai il privilegio di conoscere alcune strade deserte, delineate da alberi e, ovviamente, essere derubato.

Uber, il servizio che tanto amate, è proibito qui, credetemi. A volte ci sono manifestazioni di MMA tra i taxisti e gli autisti di Uber: pugno in faccia, guerra, lotta libera… ma tranquilli, potete trovare la app su Apple Store o Google Play.

Evitate di andare in bicicletta. Qui, le piste ciclabili che ci sono costate 44 milioni di Reais cadono a pezzi e rischi la morte, in tal caso il sindaco della nostra città darà un compenso alla tua famiglia, non ti preoccupare. Nel caso, invece, che tu sopravviva stai attento perché potresti ancora essere derubato.

Tutti i ladri e i delinquenti di Rio ti stanno aspettando a braccia aperte

In un comunicato ufficiale della Associazione Carioca dei Ladri, organizzazione indipendente finanziata con il soldi federali, si richiede che i turisti stranieri vadano in giro portando in bella mostra cellulari, macchine fotografiche, orologi, oggetti preziosi e perfino la medaglia olimpica appesa al collo, così i ladri non dovranno fare troppa fatica per prenderli. Chiedono anche che nessuno reagisca e che siate gentili mentre vi derubano evitando, così, un trauma da entrambe le parti. Siate gentili anche con i delinquenti, magari non vi uccidono.

Vi piace la merda? No?!

Allora dimenticatevi assolutamente della Baia di Guanabara, poiché è li che tutte le feci della città si uniscono in armonia e si tengono la mano in un enorme gabinetto nel quale non possiamo tirare lo sciacquone per avere nuovamente acqua pulita. È come se tu fossi obbligato a dire buongiorno, buon pomeriggio e buonasera ogni volta che vedi la tua cacca quando passi in quest’area. E… sì! È qui che avranno luogo molte gare acquatiche. Agli atleti auguro tanto coraggio, preghiere e disinfettante per pulirsi il corpo dopo ogni evento. Se sopravviveranno, chiaro.

Scorte di repellente

Qui alleviamo con molto amore ad attenzione un piccolo insetto chiamato Aedes Aegypti, un 3-in-1, unico a trasmettere fino a tre malattie, per te, è completamente gratis (zika, dengue e chikungunya)! Puoi tornare a casa con forti dolori al corpo, mal di testa, sfoghi ed irritazioni cutanee, micro-encefaliti o, chissà, con una bella bara e fiori di campo. Tuttavia, posso assicurarti una cosa, caro spettatore: questa zanzara non ha imparato a rubare.

Non azzardati ad ammalarti a Rio

Ricordatelo, per l’amor di Dio! Recentemente, l’ex Governatore di Stato Luiz Fernando Dai Piedi Grandi ha dichiarato lo stato di emergenza del sistema sanitario di Rio de Janeiro. Non ci sono più posti in ospedale. I pazienti sono sparpagliati per le sale senza cure mediche, barelle e dignità e le persone muoiono ovunque. Cerca di arrivare sano e mantenerti tale, perché in Brasile nessuno può ammalarsi!

Sai che sono stati trovati messaggi dell’ISIS in portoghese?

Come se già non bastasse il terrorismo in cui stiamo vivendo, giusto? Aggressioni, rapine, sparatorie, rapine, assalti di gruppo, terrorismo politico, rapine, macchine di votazione elettroniche sospette, crimini su crimini e ancora rapine su rapine. Quindi attenzione: evitate ponti, ingorghi di traffico, tunnel e aree affollate perché ora oltre a pallottole e coltelli devi anche stare attento che non esploda una bomba vicino a te.

Lo sapevi che per svolgere questi giochi olimpici i lavoratori del settore pubblico di Rio non stanno ricevendo lo stipendio?

Esatto! Il nostro caro sindaco e il governatore di Rio de Janeiro hanno dichiarato lo stato di calamità pubblica e, invece, di pagare pensioni e stipendi degli impiegati pubblici, hanno preferito investire nella costruzione di campi di golf distruggendo aree protette, ridurre le volanti della polizia e commissionando opere pubbliche senza fine dai costi altissimi.

Non sentitevi frustrati per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio

Qui in Brasile abbiamo moltissimi cantanti eccezionali e per mostrare a te, caro turista, che il Brasile è il paese dell’abbondanza, potrai vedere da vicino il sedere della Poderosa mentre canta. Chi sceglie queste attrazioni? Chiedilo agli organizzatori. Dobbiamo ricordare che la maggior parte delle costruzioni per la mobilità e il trasporto ancora non sono concluse, per questo suggeriamo l’uso del teletrasporto, elicotteri e skate volanti. Non dimenticarti di chiedere l’autorizzazione ai delinquenti di volare a bassa quota sopra le favelas di Rio.

Se hai un animale domestico tienilo ben nascosto per non farlo uccidere come successo al giaguaro Juma e, in caso di emergenza, non ricorrere ai nostri politici. Anche loro rubano… e tanto!

Spero che questi consigli siano utili e chiariamo una cosa: noi brasiliani non abbiamo chiesto i giochi olimpici e non ne siamo affatto contenti. Tuttavia, benvenuti all’inferno di Rio 2016 e buona fortuna!

 

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

Cosa ne pensi?