Cambridge e Oxford: due città a confronto

Durante il mio ultimo viaggio in Inghilterra (novembre 2014) sono finalmente riuscita a visitare Cambridge e Oxford, sedi delle università tra le più antiche e prestigiose del mondo con una rivalità secolare.

Ho visitato Cambridge con UK Study Tours approfittando del prezzo scontato riservato agli studente che includeva il trasporto da Bournemouth, mezza giornata con tour guidato della città e pomeriggio libero. La guida mi ha fatto simpatia fin da subito: sul sedile adiacente aveva un libro di grammatica italiana. Well done!

cambridge e oxford

Eccoci arrivati in città. Il riflesso sul fiume Cam degli alberi in veste autunnale e del rosso dei mattoni dei palazzi rendono l’atmosfera calda e accogliente nonostante la bassa temperatura. I colori delle foglie sono semplicemente meravigliosi e di ogni tonalità. Cambridge mi è parsa silenziosa, pulita, tranquilla e frequentata da persone ben vestite. In ogni strada si percepisce il prestigio della sua università: hanno studiato personaggi illustri, come ben 85 vincitori di premi nobel! Qui può vedere l’albero che simbolicamente ha ispirato Newton. Chi avrebbe mai pensato, all’epoca, che la semplice caduta di una mela in testa ad uno studente, magari un po’ assopito, avrebbe cambiato per sempre le nostre vite?

cambridge e oxford

Passeggiando ho notato più turisti che studenti, ma poco importa: probabilmente erano tutti chiusi in biblioteca col naso su 5415261 libri per ricavarne un unico essay. Li capisco, ci sono passata anch’io durante l’Erasmus.

Cambridge was a joy. Tediously. People reading books in a posh place. It was my fantasy. I loved it. I miss it still.
Zadie Smith

Cambridge è bellissima ed elegante da ogni prospettiva: al livello della strada o punting along the River Cam ovvero guidando piccole imbarcazioni di legno diventate ormai una delle attrazioni principali di Cambridge oltre l’università. Potete scegliere un tour guidato o rimboccarvi le maniche e provare voi stessi a guidare la barca con questo lungo palo. Sembra facile, ma non lo è per niente!

cambridge e oxford cambridge e oxford

Secondo la leggenda, l’Università di Cambridge viene fondata nel 1209 da alcuni studenti dell’Università di Oxford che erano fuggiti dalla città dopo una lite con la gente del posto. Essere ammessi in questa università è il sogno di molti, ma riuscire a visitarla per un giorno è comunque una gran bella soddisfazione. Tra i college più famosi ci sono il King’s College e il Trinity. Fate attenzione, però, alla data della vostra visita: se capita durante il periodo di esami molte strutture sono chiuse al pubblico. Se, invece, visitate Cambridge durante il periodo di Natale, non perdetevi il famosissimo coro nella chiesa di King’s College Chapel. Ogni anno la loro esibizione viene trasmessa sulla BBC e accompagna i tradizionali auguri della regina.

cambridge e oxford

Prestate attenzione ai discorsi nei pub, spesso capita di sentire cose molto interessanti, ad esempio nuove ricerche o nuovi esperimenti” dice la nostra guida indicando il Pub Eagle. Non sono stata fortunata, sarà per la prossima volta.

cambridge e oxford

 People question what I thought of Oxford. Students used to talk about the ‘Oxford bubble’ because the place can make you feel cut off from the rest of the world. I would forget there were places like London that were not centred round libraries and essays.

Samantha Shannon

Altra gita, altra città! Così ho visitato Oxford dopo un paio di giorni. Quando si sente nominare questa città, i turisti immaginano sempre la sua prestigiosa università e gli studenti ricordano i libri scolastici stampati dalla casa editrice locale (o li ricordo io che ho studiato lingue straniere?).

cambridge e oxford

Devo essere sincera: mi è piaciuta molto meno di Cambridge. Non so spiegare bene perché, ma l’atmosfera che percepivo era decisamente diversa, un po’ negativa. Detto ciò, non posso negare il fatto che comunque Oxford meriti una visita (o come dicono gli inglesi “a day-trip”) specie se siete a Londra o nelle regioni meridionali dell’Inghilterra.

cambridge e oxford

Io ho avuto la sfortuna di capitare durante il periodo di esami e ciò non mi ha reso possibile alcuna visita all’intero delle strutture universitarie, rigorosamente tutte chiuse ai visitatori. Ammetto di aver provato un po’ di fastidio e mi pento di non aver partecipato ad un walking tour per sfruttare come si deve le mie poche ore in città.

cambridge e oxford

Chiuso questo breve sfogo, vi racconto cosa mi è piaciuto maggiormente ad Oxford. Il centro storico è compatto, si gira facilmente ed è animato dai campanelli e dal continuo passaggio delle biciclette che poi vengono appoggiate alle ringhiere o ai muri dei palazzi color ocra.  Sono un’amante delle favole e, soprattutto nel Regno Unito, sono sempre alla ricerca di luoghi un po’ magici. Oxford è uno di questi se siete fan di Harry Potter o di Alice nel Paese delle Meraviglie (alzo la mano!). Sfortunatamente, la Great Hall di Hogwarts (la Hall del Chirst Church) che appare in Harry Potter e la Pietra Filosofale è chiusa per lavori, così come è chiusa la biblioteca fittizia della scuola di magia (la Bodleian Library in foto).

cambridge e oxford

Sono stata appena più fortunata con la bimba annoiata. Come lei ha inseguito il coniglio bianco, io ho cercato le sue tracce in giro per la città. Charles Lutwidge Dodgeson (meglio conosciuto come Lewis Carroll) ha preso spunto dai magnifici giardini di Oxford per ambientare Alice nel Paese delle Meraviglie. Sapevate che Alice è esistita davvero? Quando Charles Dodgeson studiava matematica all’Univesità di Oxford ha conosciuto una certa Alice Liddell, una bambina di dieci anni, insieme alle sue sorelle. Per divertirle durante una gita fluviale, Charles Dodgeson racconta la storia di una bambina annoiata sulla riva del fiume e che improvvisamente cade nella tana di un coniglio e si ritrova in un mondo capovolto chiamato “Wonderland”. La storia aveva entusiasmato Alice, la quale lo aveva pregato di scriverne una copia. Due anni dopo il manoscritto è terminato e viene pubblicato nel 1865 sotto il nome di Lewis Carroll.

cambridge e oxford

Ogni prima settimana di luglio si celebra l’Alice Day come giorno importante per la letteratura infantile e la stessa città di Oxford. Alice è diventata, infatti, uno dei personaggi delle fiabe più conosciuti al mondo e ha segnato la nascita della letteratura moderna per bambini. Sarei davvero curiosa di tornare ad Oxford durante questa festa, non solo perché Alice è uno dei miei personaggi preferiti, ma anche per vedere la città sotto altri occhi, specialmente quelli sognanti di una bambina nel quale un mondo fittizio prende letteralmente vita.

cambridge e oxford

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

Cosa ne pensi?