Come lavorare sulle navi da crociera: la mia esperienza

Ho già annunciato brevemente a tutti i miei lettori la grande svolta che ha preso la mia vita ormai due anni fa (articolo qui). Con questo post racconto l’inizio di questo percorso con la speranza che possa essere utile a coloro che vorrebbero lavorare sulle navi da crociera. Molti degli step per imbarcarsi sono obbligatori per tutte le posizioni, tuttavia qui parlerò nello specifico della mia. Io ho il ruolo di Tour Escort, ovvero lavoro nell’ufficio escursioni (vendita, prenotazioni, ecc.) e assisto i passeggeri durante gli scali a terra.

navi da crociera

Ho invitato il curriculum direttamente sul sito della compagnia e dopo qualche mese ho ricevuto una telefonata per stabilire un colloquio via Skype in lingua inglese. Visti i requisiti per la mia posizione, parte del colloquio si è svolto anche in spagnolo, portoghese e francese. Le domande sono state molte e il tutto è durato quasi un’ora! Pur non avendone la certezza, credo che le mie due esperienze all’estero (Portogallo e Inghilterra) siano state fondamentali per l’assunzione perché mi hanno permesso di rispondere a determinate domande con convinzione. Per chi, come me, si è appena laureato e ha limitate competenze lavorative, l’esperienza all’estero è assolutamente un elemento di spicco sul curriculum poiché alcuni aspetti sono in comune con la vita di bordo, tra cui stare lontani da casa per lunghi periodi, condividere spazi comuni con sconosciuti (ad esempio alloggio-studenti) e il contatto costante con persone straniere.

Circa una settimana dopo il colloquio è arrivato l’esito via email: assunta! A questo punto avevo una lista di cose da fare: passaporto, corso STCW95 e visite mediche, impiegando quasi due mesi per portare tutto a termine.

Dove inviare il proprio CV?

Costa Crociere
MSC Crociere
Carnival Cruises
Holland America Line
Cunard Line
V.Ships
Norwegian Cruise Line
Disney Cruise Line
Oceania Cruises
Regent Seven Seas Cruise
Princess Cruises
Silversea Cruise
Royal Caribbean

In cosa consiste il corso STCW95?

L’acronimo sta per Standards of Training, Certification and Watchkeeping for Seafarers, ovvero è la Convenzione internazionale sugli standard di addestramento. Questa abilitazione deve essere certificata dalla Capitaneria di Porto e comprende:

  1. Sicurezza e responsabilità sociali
  2. Sopravvivenza e salvataggio 
  3. Antincendio di base 
  4. Primo soccorso sanitario elementare
  5. Familiarizzazione alla security

Il corso STCW95 è obbligatorio per tutte le persone che vogliono lavorare a bordo ed è riconosciuto a livello internazionale. Per chi si imbarca per la prima volta il costo è sempre a proprio carico, a prescindere dalla compagnia (a seconda della città può variare dagli 800€ ai 1300€). Ho seguito questo corso a Genova con una durata di due settimane: teoria e prove pratiche + esame finale. Non avendo mai fatto un imbarco, ogni informazione per me era nuova, non scontata e fondamentale come primo approccio a questo mondo marittimo.
[Clicca qui per sapere quali sono i centri autorizzati al rilascio dei certificati STCW95.]

test per lavorare sulle navi da crociera

corso per lavorare sulle navi da crociera

esercitazione per lavorare sulle navi da crociera

Sì, la nana davanti alla porta sono io….

Visite mediche

Esiste un documento che si chiama “visita biennale” che tutti coloro che lavorano a bordo devono ripetere, come dice il nome, ogni due anni. Può essere fatto presso la Cassa Marittima o compilato dal medico di famiglia una volta raccolti tutti gli esiti degli esami fatti tramite ASL o privati. Le visite comprendono un po’ tutto: vista, udito, cuore, polmoni, esami approfonditi del sangue ecc.

LEGGI QUI: GLI ASPETTI POSITIVI DELLA VITA DI BORDO

Cosa serve per diventare Tour Escort?

Per quanto riguarda questa specifica posizione è assolutamente necessaria la conoscenza delle lingue straniere – un ottimo inglese e le maggiori lingue europee, nel mio caso italiano, inglese, spagnolo, portoghese e un po’ di francese. Esperienze nella vendita, gestione di gruppi  e, in generale nell’ambito turistico, sono un’ottima base.

Come detto prima, il fatto di aver avuto sul curriculum due esperienze all’estero è stato utile ai fini dell’assunzione, oltre a tirocini e lavori temporanei sempre improntati sulle lingue, turismo (in particolare crociere) e contatto col pubblico. Inoltre, durante il colloquio, ho evidenziato la mia predisposizione al lavoro di squadra supportato da determinate esperienze svolte in passato: in una nave fare gruppo è fondamentale, deve funzionare tutto alla perfezione e tutti lavorano per il raggiungimento di un obiettivo comune. Bisogna rendersi conto che vita lavorativa e vita privata si intersecano per diversi mesi – se siete persone socievoli, che si adattano facilmente, motivate, spigliate e sorridenti è già un passo avanti.

Di cosa si occupa il Tour Escort?

Il Tour Escort (che in italiano si traduce come “accompagnatore turistico”) ha diversi compiti sia sulla nave che a terra. A bordo si occupa della vendita e della prenotazione delle escursioni della compagnia, fornisce informazioni e affianca il Manager e il suo assistente nelle operazioni generiche dell’ufficio. A terra è la figura di riferimento per i turisti: supporta la guida locale durante il tragitto, funge da interprete per le lingue di sua competenza, si assicura che l’escursione prosegua secondo contratto stabilito con l’operatore e controlla la sicurezza dei passeggeri.

LEGGI QUI: GLI ASPETTI NEGATIVI DELLA VITA DI BORDO

Libretto di Navigazione

Alcune compagnie di navigazione imbarcano il proprio personale tramite libretto di navigazione e non passaporto (con la procedura che ho spiegato prima, quindi). Le tempistiche sono circa le stesse e in ogni caso vanno ottenuti i certificati del STCW95 per essere abilitato ad imbarcare.

Che step ho seguito per ottenere il Libretto di Navigazione?

Dopo aver navigato per un anno e mezzo “a passaporto” in questi giorni sto concludendo le pratiche per ottenere il Libretto di Navigazione. I processi da seguire sono semplici ed è quasi a costo zero, tranne che per le visite mediche e i corsi STCW95 (se non già in possesso).

  1. Mi sono informata presso la Capitaneria di Porto della mia città per richiedere l’immatricolazione alla Gente di Mare e ho richiesto precisamente tutti i documenti da fornire.
  2. Ho prenotato le visite mediche necessarie:
    – esami del sangue e delle urine
    – certificato del gruppo sanguigno
    – elettrocardiogramma
    – raggi x al torace
    – vaccino contro il tetano
    Una volta ottenuti i referti, ho prenotato la visita ufficiale presso la Sanità Marittima, presso la quale devo portare tutti i documenti in originale. Va prenotata con anticipo perché i tempi di attesa possono essere lunghi.
  3. Esame di nuoto e voga, altro step importante per il conseguimento del Libretto. Gli esami sono effettuati solo specifici giorni al mese, informatevi con anticipo.
  4. Bollettino da pagare di circa 30€
  5. Fotografie per i documenti.

Una volta portati tutti i documenti e compilata la richiesta di immatricolazione, è necessario attendere un ulteriore mese per ottenere “fisicamente” il libretto di navigazione, altrimenti viene comunque rilasciato un foglio provvisorio. Le tempistiche, come vedete, sono un po’ lunghe e dovete considerare almeno due mesi.

In questo articolo vi spiego solo brevemente cosa serve per imbarcare, ma ricordatevi sempre e comunque di informarvi di persona poiché le procedure possono cambiare e, in ogni caso, le diverse compagnia di navigazione potrebbero richiedere una documentazione differente. 

Avete mai pensato di lavorare su una nave da crociera?

Non esitate a contattarmi per qualsiasi domanda!

cruise ship

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

2 commenti:

  1. Io non ci ho mai pensato, ma mia figlia, quando le ho detto che ti saresti imbarcata è rimasta affascinata!!! Racconta ancora Annalisa, che glielo faccio leggere!

  2. Pingback:Il Settembre di Viaggiovagando | Viaggiovagando

Cosa ne pensi?