Essere vegetariani in Polonia

Wroclaw krasnal Pieroznik.JPG

“Wroclaw krasnal Pieroznik” by Adalbertus – Licensed under GFDL via Wikimedia Commons.

Inizialmente si potrebbe pensare che la Polonia, così come gli altri Paesi dell’Europa centrale, non sia proprio un paradiso per vegetariani per l’elevato uso di carne nei piatti tradizionali. Durante il mio viaggio nell’estate del 2013, ho visitato due città minori, Poznan e Wroclaw, e in entrambi i casi ho potuto riscontrare che essere vegetariani in Polonia non sembra poi così difficile, anzi… molti dei piatti nazionali hanno una variante senza carne, è solo questione di chiedere.

Qualche info sulla cucina polacca

La cucina polacca non è particolarmente speziata e piccante: sono preferite le erbe aromatiche come prezzemolo,  cumino, maggiorana e bacche di ginepro. Le verdure sottaceto, soprattutto cetrioli e cavolo, sono un classico sia per “spizzicare” che per condire altri piatti. Gli ingredienti alla base della loro cucina sono patate, cavolo rosso e verde, barbabietole, cereali e prodotti caseari, come il siero del latte e la panna acida. I piatti sono tendenzialmente più acidi e aspri rispetto alla cucina italiana e bisogna adeguarsi a un uso più generoso di succo di limone e aceto.

I russi hanno introdotto l’uso di aneto, panna acida, kaša (una pappa solitamente di grano saraceno), zuppe di barbabietole, cavolo e vodka. I piatti a base di patate vengono da Lituania e Germania, mentre l’uso della paprika dall’Ungheria. Tra i piatti più famosi tipicamente polacchi troviamo gelumpkis (cavolo ripieno), cholodnik (una zuppa fredda composta da barbabietole e panna acida guarnita con verdure tagliate fini), kugelis (uno sformato di patate) e i miei preferiti… i pierogi, ovvero un raviolone ripieno.

Ah, dimenticavo. I dolci sono spettacolari!

Apple pie a Poznan

A photo posted by Annalisa (@viaggiovagando) on

 

Cosa ho mangiato io?

RUSKIE PIEROGI Mi sono abbuffata di ruskie pierogi, ravioloni con la forma di un sofficino, ripieni di formaggio e patate. Li ho mangiati sia bolliti che al forno (e quindi più croccanti) accompagnati da una salsina di panna acida e aneto. Sbav. Non sono riuscita a trovare i Pierogi z Kapustą i Grzybami (con ripieno di crauti e funghi) né tantomeno la versione con la marmellata di rose: non era la stagione giusta, ma vista la particolarità spero di riuscirli a trovare la prossima volta che torno durante il festival ufficiale. Ho mangiato queste delizie in un ristorante nel centro di Wroclaw di cui ho dimenticato il nome (furba, eh -ma comunque si trovano OVUNQUE) e da Chatka Babuni (Wrocławska 18, Stare Miasto, Poznań 61-832) un grazioso ristorantino del centro arredato in stile rustico e consigliato dal mio amico polacco. 

Ruskie Pierogi

Source: Chatka Babuni, Restauracje & Pierogarnie – Facebook page

REPUBLIKA RÓΖ 

Questo grazioso locale si trova nel centro di Poznan a due passi dal mercato centrale (indirizzo: Plac Kolegiacki 2a) e la sua particolarità, oltre all’arredamento color pastello elegante ed estremamente femminile, è usare i petali delle rose nella propria cucina. Anche in piena estate, toglietevi la soddisfazione di bere una cioccolata calda alla rosa: sul fondo della tazza troverete tutti i petali e la cioccolata assorbe la delicatezza e il vago aroma di questo profumatissimo fiore. Ne volevo prendere un’altra, giuro!

Nel menù trovate anche insalate particolari (come la mia con feta, menta e fette di pesca fritte), una sezione per le bevande e i frullati salutistici e molto altro. Il locale funziona sia da ristorante che da bar ed è un luogo romantico adatto ad un primo appuntamento e incontri di lavoro.

GREENWAY

Greenway è una catena di ristoranti veg sparsa per il paese: ha prezzi davvero ottimi e porzioni abbondanti. Non rendendomi conto della quantità di cibo, ho preso tre piatti da dividere con il mio compagno di viaggio. Pessima scelta, abbiamo fatto indigestione perché era tutto buonismo e ci siamo abbuffati. Risultato? Non siamo riusciti a visitare la città nel dopo pranzo per colpa del sonno e della pancia piena. Per circa 10€ abbiamo preso tre piatti enormi e due bottigliette d’acqua. La scelta è molto ampia e i piatti si possono combinare a proprio piacimento. Io sono stata nel Bar Wegetarianski Greenway di Poznan in ul.Taczaka 2. 

Un ottimo e soprattutto abbondante piatto vegano a meno di 3€ a Poznań A photo posted by Annalisa (@viaggiovagando) on

GRUZINSKIE CHACZAPURI

Non capendo nulla di polacco, mi sono trovata per caso in questo ristorante a pochi passi dalla piazza centrale di Wroclaw. Girando senza una meta (e in quella calda sera d’estate non c’era un posto in nessun ristorante del centro manco a pagarlo oro) mi sono ritrovata a mangiare a Gruzinskie Chaczapuri scoprendo solo dopo che si trattava di cucina georgiana. Poco importa, era tutto buonissimo, perfino la salsina all’aglio che ucciderebbe qualsiasi intenzione di avvicinarsi al prossimo. Qui sono riuscita a trovare senza problemi un piatto vegetariano abbondante ed economico (meno di 5€ a testa!) consigliato dal cameriere. Insomma, anche in questo caso me la sono cavata alla grande.

Per concludere

Essere vegetariani in Polonia non è quindi così difficile come gli stereotipi possono far pensare: zuppe, pierogi e piatti legati alla tradizione (soprattutto quando un tempo la carne era un lusso per pochi) si adattano perfettamente a questa scelta e non si limitano solo a pane e formaggio! Il vegetarianismo sta crescendo anche in Polonia ed è dimostrato dalle catene di ristorante e dalle scelte nei menù, soprattutto nelle maggiori città dove si trovano più facilmente le alternative. Insomma, nessuno morirà di fame!

Frasi utili

Jestem wegetarianinem – sono vegetariano

Jestem wegetarianką – sono vegetariana

Nie jem mięsa – non mangio carne

Czy w tym jest mięso? – contiene carne?

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

Un commento:

  1. Un articolo molto interessante, non capita spesso di leggere articoli di questo genere sulla Polonia. Se vorresti conoscere delle curiosità che ti potrebbero dare uno spunto per i tuoi viaggi e articoli visita la pagina fb dell’ufficio del’ente che si occupa della promozione del turismo in Polonia: https://www.facebook.com/poloniaturismo

Cosa ne pensi?