Festival dell’Oriente a Marina di Carrara

Ho viaggiato per tutto il continente asiatico. Rimanendo in Italia.

Lo scorso fine settimana sono andata in Toscana per assistere a due grandi eventi: il Festival dell’Oriente e il Lucca Comics, trascorrendo così un weekend decisamente diverso dal solito.

FESTIVAL-CARRARA2014-3giorni-webIl Festival dell’Oriente, giunto ormai alla sua 8° edizione, è una manifestazione che si ripete annualmente in diverse città italiane con lo scopo di far conoscere le diverse culture dell’Asia. A Marina di Carrara la fiera, suddivisa in padiglioni, ospitava conferenze, stand gastronomici, artigianato tipico, libri, abbigliamento, arredamento, cosmetici e incontri ad eliminazione tra atleti di tutto il mondo in rappresentazione varie discipline sportive orientali. Un’area era dedicata, invece, ad attività culturali e dimostrazioni, come ad esempio la cerimonia del tè cinese e l’arte della calligrafia giapponese.

Ho assistito ad incontri di muay thai, ho gustato cibi tradizionali e, soprattutto, ho apprezzato gli spettacoli di artisti, ballerini, cantanti e musicisti di fama internazionale che si esibivano a rotazione. Gli abiti tradizionali delle ballerine tailandesi e indonesiane erano meravigliosi, sono rimasta catturata dalla perfezione e dalla sincronia dei suonatori di tamburi giapponesi e mi sono divertita al ritmo della danza di Bollywood.

Piccoli “contro”
Il programma presente sul sito può inizialmente sembrare confuso, soprattutto perché, chi viene da fuori, avrebbe piacere di sapere in anteprima l’orario degli spettacoli. Una volta arrivata ho capito che questi sarebbero stati a rotazione lungo tutta la giornata con un orario indicativo esposto accanto al palco.

Io sono andata in treno. Mai più. Consiglio a tutti di andare in macchina perché i bus che collegano stazione-fiera sono rari (la mattina del ritorno, sabato 1 novembre, il primo bus per la stazione partiva abbondantemente dopo le 9 e solo grazie ad un passaggio non ho perso il treno). Se siete in macchina potete usufruire dell’ampio parcheggio a soli 3€ accanto alla fiera e, avendo maggiore possibilità di spostamento, potete pernottare anche a qualche chilometro di distanza. Io sono stata costretta a scegliere una struttura raggiungibile a piedi dalla fiera (sul sito non erano esplicitati i numeri di bus utili né la compagnia di trasporto del territorio): prezzo smisuratamente alto, colazione non inclusa e camera fatiscente. Forse ho avuto sfortuna, ma avendo prenotato poco meno di un mese prima non erano rimaste altre opzioni.

Ma ora… foto!

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

2 commenti:

  1. Vedo che hai riscontrato i miei stessi problemi dell’anno scorso! Speravo in un anno lo risolvessero…Cmq . belle foto!

    • si ho notato anch’io che non è cambiato nulla. Avevo letto il tuo post prima di andare. In ogni caso l’ho fatto presente a una ragazza che faceva sondaggi sulla Fiera, speriamo bene…..

Cosa ne pensi?