Ricetta perfetta per #trippandoasarteano

Il weekend del 4-5 ottobre 2014 ho finalmente avuto l’occasione di partecipare ad un raduno di blogger. In un colpo solo ho conosciuto quasi tutti i membri del famoso Trippando, blog col quale ho recentemente instaurato un rapporto di collaborazione (potete trovare qui i miei articoli).

Dopo il primo successo del raduno pisano, quest’anno è stata scelta la provincia di Siena, esattamente a Sarteano, dando vita al secondo TripRaduno e all’hashtag #trippandoasarteano.

Com’è andata? Ve lo spiego con un semplice ricetta!

trippandoasarteano

#trippandoasarteano

INGREDIENTI
1 base di cielo azzurro
1 spolverizzata di nuvole
Una ventina di blogger
1 un pranzo eccellente
1 visita focalizzata su un aspetto di Sarteano
1 cena in un luogo indietro nel tempo
1 una dormita rigenerante
1 una mattinata dedicata alla storia etrusca
1 rinfresco con panorama toscano
1 manciata di prodotti tipici
1 lezione
Risate q.b.
Ottima organizzazione

#trippandoasarteano#trippandoasarteano

PREPARAZIONE

Accendete il sole e pre-riscaldate la giornata intorno ai 20°C. Spennellate il cielo di azzurro intenso e spolverizzate alcune nuvole morbide e candide. Aggiungete una ventina di blogger provenienti da Toscana, Liguria, Veneto, Lazio ed Emilia Romagna, conditeli con simpatia, curiosità, appetito e professionalità e uniteli a strumenti tecnologici come macchine fotografiche, smartphone e carica-batterie portatili.

Adesso preparate un pranzo per farcire i vostri blogger. Attenzione alla qualità, dev’essere buonissimo e usando piatti tipici del luogo. Il Ristorante di Santa Chiara è un ottimo esempio e la proprietaria prepara tutto da sé, compreso pane, pasta fresca e ottimi cantucci salati! Quando i vostri blogger saranno belli pieni, spostateli nel punto di ritrovo per rosolarli un po’ al sole. A questo punto divideteli in gruppi e conditeli con cultura e visite guidate, usando i diversi ingredienti del territorio, come storia e leggende, l’antica via del mulini, paesaggi e botteghe tipiche.

Quando i blogger saranno rosolati con la cultura del posto, saranno pronti per aperitivo e cena. Scegliete con cura il luogo. Dev’essere speciale e rievocare l’epoca medioevale per musica e ambientazione. Vi consiglio il Chiostro Cennini, nel cuore del centro storico. Imbottiteli nuovamente, stavolta usando pici all’aglione, un secondo di carne o formaggio tipico toscano e un vasetto di golosità.

Lasciate marinare i blogger una notte intera in una struttura silenziosa e immersa nel verde, fino a che non si siano totalmente riposati e i loro muscoli siano di nuovo in forma per affrontare il giorno dopo. Il Borgo del Grillo è un ottimo ingrediente, poiché situato in collina, in un antico borgo circondato da cipressi, fiori, aria pulita e relax.

A questo punto i blogger sono pronti per assorbire nuove nozioni. Sarteano è un luogo con una storia molto antica e la visita al Museo Archeologico è d’obbligo per scoprire l’enorme patrimonio di questa piccola città. Per la buona riuscita del piatto è necessario condire il tutto con la visita alla Tomba della Quadriga Infernale (quella originale!) a pochi chilometri dal centro.

Ci siamo, la ricetta è quasi conclusa. Adesso spolverizzate il tutto con degustazione di formaggi tipici, vino, succo di mela delle coltivazioni locali, panino con la porchetta per alcuni e con pecorino di Sarteano per altri. Non deve mancare il dolce paesaggio delle morbide e verdeggianti colline toscane. Ancora un pizzico di didattica con la lezione sullo storytelling a cura di Cino Wang Platania.

#trippandoasarteano

NOTE
Il piatto è molto ricco e richiede due giorni per la sua preparazione. Il risultato è eccellente, soprattutto con un’organizzazione impeccabile come quella che è stata dedicata a questo weekend.

#trippandoasarteano

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

Un commento:

  1. Pingback:I viaggi del mio 2014 - Viaggiovagando

Cosa ne pensi?