90 cose da fare in Portogallo

Amo Lisbona e il Portogallo e molti di voi me lo sentono dire spesso. Ho vissuto quattro mesi a Lisbona nel 2012 sfruttando l’occasione per viaggiare in tutto il paese. Sono tornata per una settimana nel maggio 2013 e ho trascorso un fine settimana anche a luglio 2014, come vincitrice del concorso Be Our Guest di Visit Portugal. Sembra proprio che non riesca a farne a meno!

90 cose da fare in Portogallo

I ricordi e le esperienze vissute sono tante. Ecco una lista di 90 cose da fare a Lisbona e in generale in Portogallo un po’ fuori dai classici consigli turistici sentiti e stra-sentiti.
Voi quante di queste avete fatto? Scrivetelo nei commenti!
Se sono ancora poche, approfittatene per un prossimo viaggio!

  1. Godersi il sole e il mare nei chilometri di sabbia dorata di Costa da Caparica.
  2. Perdersi tra i vicoli di Alfama. Nessuna mappa alla mano: se salite vi troverete dal miradouro, se scendete arriverete a Largo do Chafariz de Dentro dove si trova il Museo do Fado (Lisbona).
  3. Bere una morangoska preta (cocktail con fragole frullate e vodka nera al mirtillo) nel Bairro Alto e godersi la movida (Lisbona).
  4. Fare una gita in battello sul fiume Douro (Porto).
  5. Visitare la Capela dos Óssos (Évora).
  6. Ascoltare del buon fado nei piccoli locali dell’Alfama (Lisbona).
  7. Approfittare della comoda metropolitana che collega gli aeroporti di Lisbona e Porto al centro città.
  8. Visitare i monasteri di Alcobaça e Batalha. Sono incredibilmente belli e non a caso fanno parte del Patrimonio Unesco.
  9. Fare una foto con gli studenti universitari in abiti tradizionali (Coimbra/Porto/Lisbona).
  10. Sorseggiare un cocktail guardando il tramonto sul Tago nei bar dei Docas de Alcântara.
  11. Camminare da Cascais fino alla Boca do Inferno.
  12. Viaggiare indietro nel tempo con la Feira Medioeval di Óbidos a luglio.
  13. Comprare chili e chili di gustosissime fragole dai venditori di strada.
  14. Ammirare gli azulejos della stazione ferroviaria di São Bento (Porto).
  15. Mangiare un pastel de nata nella famosa Pastelaria de Belém; ma sono sincera: ne ho trovati di ottimi anche altrove… (Lisbona).
  16. Fare un’escursione in barca tra le grotte e i faraglioni di Lagos.
  17. Immergere (almeno i piedi) nell’acqua ghiacciata di Praia da Barra, vicino Aveiro.
  18. Mangiare cioccolato da Claudio Corallo (Lisbona).
  19. Innamorarsi dello stile manuelino visitando il Mosteiro dos Jerónimos a Belém.
  20. Passeggiare sul lungomare tra Estoril e Cascais.
  21. Comprare cianfrusaglie alla Feira da Ladra il sabato mattina a Lisbona.
  22. Vivere le feste popolari ed assistere alla sfilata popolare per la festa di Santo António lungo Avenida da Liberdade (giugno).
  23. Ammirare Lisbona dai miradouros.
  24. Ascoltare jazz nei parchi cittadini durante le domeniche estive – evento OutJazz (Lisbona).
  25. Andare ad Oriente (Lisbona) per vedere il ponte Vasco da Gama, il più lungo d’Europa, ben 17km!
  26. Vedere Lisbona dall’altra parte del fiume salendo sul Cristo Rei (attenti al vento: è violentissimo!)
  27. Scoprire che la Torre di Belém in realtà è piccolina.
  28. Essere felice con del semplice burro salato spalmato sul pane tostato.
  29. Comprare birra e lupini (imperial e tremoços) nei chioschi di Avenida da Liberdade e Príncipe Real.
  30. Riposarsi all’ombra degli alberi del Jardim da Estrela (Lisbona).

    90 cose da fare in Portogallo

    90 cose da fare in Portogallo

  31. Bere una ginjinha (liquore di amarena) in un bicchiere di cioccolato a Óbidos.
  32. Lasciarsi incantare dalla magia di Sintra.
  33. Ballare fino all’alba al K-Urban Beach di Lisbona.
  34. Andare al mare a Lagos.
  35. Vedere un film sui mega-schermi posti nei parchi durante le serate estive (Lisbona).
  36. Vedere il centro della romantica Guimarães.
  37. Sapere che formaggi e pane dati disponibili nei ristoranti non sono inclusi nel prezzo.
  38. Partecipare alla festa di São João a Porto nel mese di giugno.
  39. Fare una breve escursione sui moliceiros, barche tipiche ad Aveiro.
  40. Provare a mangiare un’intera francesinha a Porto (sacrilegio! Esiste anche la versione vegetariana).
  41. Passare le serate al Bairro Alto per poi finire nei locali di Cais do Sodré.
  42. Fermarsi nel punto più occidentale del continente: Cabo da Roca (tentando di scattare una foto mentre il vento vi porta via la macchina fotografica!!!).
  43. Fare un tour nelle cantine di vino a Porto.
  44. Indossare scarpe da trekking per non scivolare sulla calçada durante le giornate di pioggia.
  45. Trovare nei negozi che vendono alcolici il licor de merda.
  46. Entrare nella Livraria Lello a Porto e arrabbiarsi perché è proibito scattare foto.
  47. Bere una birra nella storica Cervejaria da Trinidade (Lisbona).
  48. Sopravvivere ad una corsa in taxi a Lisbona.
  49. Scendere le scale del pozzo iniziatico di Quinta da Regaleira a Sintra.
  50. Non avere il coraggio di mangiare un ovo mole ad Aveiro.
  51. Andare alla Feira do Livro nel Parque Eduardo VII a Lisbona.
  52. Fare shopping fino a mezzanotte al Centro Comercial Colombo a Lisbona.
  53. Visitare il santuario di Bom Jesus do Monte a Braga.
  54. Notare che ogni stazione della metro di Lisbona è diversa dall’altra.
  55. Mangiare in un ristorante cinese clandestino ed entrare nel centro commerciale di Martim Moniz: sembra essere catapultati in Cina!
  56. Fare la foto con l’insegna Aqui Nasceu Portugal a Guimarães.
  57. Stupirsi per la quantità di oggetti in sughero (perfino ombrelli da pioggia). Il Portogallo è, infatti, il maggior produttore mondiale di sughero.
  58. Riuscire a scansare gli sputi: dubbia abitudine della gente più anziana nei quartieri più popolari (Lisbona).
  59. Provare un pastel de feijão nel piccolo bar di Rua do Salitre (Lisbona).
  60. Scoprire dove si trovano murales che coprono intere facciate di palazzi (Lisbona).

    90 cose da fare in Portogallo

    90 cose da fare in Portogallo

  61. Tifare la propria nazionale guardando le partite nel maxischermo di Praça de Touros di Campo Pequeno (Lisbona).
  62. Bere nei piccoli bar come Os Amigos da Severa nel quartiere della Mouraria.
  63. Comprare qualche accessorio (orecchini o ciondoli) con il cuore di Viana do Castelo.
  64. Visitare l’università di Coimbra, la più antica del paese e tra le più antiche d’Europa.
  65. Percorrere il sentiero di trekking per arrivare a Ponta da Piedade (Lagos).
  66. Cantare a squarciagola al Rock in Rio (Lisbona).
  67. Comprare frutta e verdura biologica nel mercatino di Príncipe Real il sabato mattina.
  68. Sapere che una birra alla spina a Porto si dice fino e non imperial come a Lisbona.
  69. Sfogliare un libro alla Bertrand, la libreria più antica del mondo (1732) a Lisbona.
  70. Partecipare alla pazzia della Queima das Fitas a Coimbra nella prima settimana di maggio (io non ho avuto l’occasione di andare ma tutti i miei amici lo consigliano!)
  71. Ascoltare gli studenti cantare e suonare fado universitario.
  72. Prendere una macchina e inoltrarsi nella natura e nelle spiagge meravigliose del Parque Natural da Arrabida.
  73. Mangiare le queijadinhas a Sintra.
  74. Scambiare due chiacchere con i turisti australiani che dominano l’Algarve.
  75. Conoscere la tragica storia d’amore tra Dom Pedro e Dona Inês. Una sorte di Romeo e Giulietta alla portoghese.
  76. Mangiare nelle piccole tascas, trattorie tipiche, evitando i locali turistici.
  77. Riuscire a schivare i numerosi spacciatori tra lo Chiado e il Bairro Alto (Lisbona).
  78. Mangiare il vero cibo indiano nel Templo Hindu Radha Krishna. Ricordo che parte dell’India apparteneva all’impero portoghese. Questo giustifica la presenza di una comunità hindù a Lisbona.
  79. Non fare il tipico turista che parla spagnolo pensando che sia portoghese. Sono due lingue ben diverse!
  80. Affondare i denti nel pão de deus, una sorta di pane dolce e morbido come una nuvola aromatizzato al cocco. Si trova nella Padaria Portuguesa.
  81. Camminare sul tappeto di glicine che in privamera ricopre i marciapiedi.
  82. Entrare nel bar/ristorante Martinho da Arcada per vedere ancora il tavolino dove sedeva Pessoa.
  83. Scoprire che il Portogallo è lo stato più antico d’Europa.
  84. Ballare forró come in Brasile.
  85. Andare al cinema durante uno dei numerosi festival a tema (italiano, francese, israeliano, Indie Lisboa, ecc)
  86. Scattare una foto con gli azulejos che dicono Boa viagem Lisboa espera por ti.
  87. Lisbona possiede 50 musei. Sceglierne uno durante le giornate con brutto tempo.
  88. Mangiare un enorme hot dog (vegetariano) al I Love Hotdogs vicino al Parque da Estrela.
  89. Ascoltare musica dal vivo nei bar del Bairro Alto (Lisbona).
  90. Camminare in centro. Trovo ridicolo usare mezzi turistici per visitare una città così a misura d’uomo. Tutto a piedi!

Voi cosa aggiungereste? Aspetto un vostro suggerimento nei commenti!

90 cose da fare in Portogallo

90 cose da fare in Portogallo

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

3 commenti:

  1. Che monumento nella sesta foto del primo “blocco”?

Cosa ne pensi?