Szia Budapest! Riassunto di 10 giorni

budapestSono appena tornata in Italia. Da dove iniziare a raccontare l’incredibile esperienza vissuta a Budapest? Dieci giorni non sono molti, ma ho in testa così tante informazioni che è difficile scegliere con quale partire. Sono stata molto fortunata: in questo viaggio non ho solo ricoperto il ruolo di turista ma ho anche assaporato la “vita indigena” grazie ad Anna, la mia ex coinquilina erasmus, che mi ha ospitato e fatto da guida turistica per tutto il tempo.

Budapest è definita in due modi: “la Parigi dell’est” e “la perla del Danubio”. Come mai questi soprannomi? Budapest è una città ammaliante, ricca di storia, principesca ed elegante, ma allo stesso tempo economica, divertente ed incantevole in qualsiasi stagione.

L’Ungheria è diventata una meta di moda nell’ultimo decennio. La capitale si adatta ad ogni gusto: viaggi low cost, di lusso, turismo termale, culturale, per amanti delle crociere fluviali o per giovani in cerca di divertimento sfrenato in ogni giorno della settimana.

budapest

Perché questo viaggio mi è piaciuto tanto? Anna è stata la migliore guida che potessi avere. Grazie a lei ho visitato le attrazioni principali, ho imparato ogni giorno qualche parola di ungherese, ho scoperto mille curiosità su usi e costumi antichi ed attuali, ho visitato luoghi fuori città e ho partecipato a feste a casa di amici, vivendo un po’ la vita di un coetaneo locale.

La mia avventura ungherese in 10 giorni
(un riassunto)

  1. Le attrazioni principali mi hanno lasciato letteralmente a bocca aperta: il Parlamento, la Bastione dei Pescatori, la Chiesa di San Mattia, la Chiesa di Santo Stefano, Piazza degli Eroi e il Castello Vajdahunyad.
  2. Ho ripercorso le vicende del popolo ebraico in diverse tappe: quartiere-ghetto e sinagoga, le 60 paia di scarpe di bronzo lungo il Danubio, la Casa del Terrore e il recente Monumento in memoria della shoah.
  3. Ogni giorno ho imparato parole in ungherese, difficilissima perché non appartenente al ceppo indoeuropeo.
  4. Ho camminato per le vie del villaggio palóc di Hollókö, sito Patrimonio dell’Unesco dal 1987 e trascorso un pomeriggio nella limitrofa Mátraszőlős.
  5. Interessante il Mercato Centrale (Nagyvásárcsarnok) e gli stand alimentari ed artigianali in nella piazza Vörösmarty.
    budapest
  6. Ho ammirato il Palazzo Reale di Gödöllő, la residenza preferita della Principessa Sissi.
  7. Le kocsma, bar spartani dove si riuniscono le persone dopo il lavoro, vendono mezzo litro di birra a meno di 1€ (noi qui ce lo sognamo!).
  8. Suggestivo il tramonto sul Ponte delle Catene visto dal bar Raqpart!
  9. Litri di limonata con menta fresca sono stati la mia salvezza contro il caldo.
  10. L’Isola Margherita è bella anche sotto la pioggia.
  11. Ho fatto la turista anche nei tipici ruin bar, ballando all’Instant e scambiando due chiacchere nel famoso locale Szimpla Kert.
  12. Ho ingurgitato 10 colazioni, 10 pranzi e 10 cene rigorosamente in stile ungherese.
    budapest
  13. Ho fatto nuove amicizie andando a casa di amici di amici, anche fuori Budapest, in villette indipendenti immerse nel verde.
  14. Fingendomi una studentessa sono entrata all’università Corvinus.
  15. Ho camminato molto sotto il sole e sotto la pioggia, ho preso metropolitane, bus, tram e treni regionali godendo di un abbonamento mensile scontato per studenti (con prezzo inferiore ad un abbonamento settimanale standard).
  16. Mi sono rilassata nelle famose Terme Széchenyi.
  17. Infine, da brava turista, mi sono lasciata tentare dall’acquisto di alcuni souvenir 🙂

budapest

Questo è solo un riassunto schematico della mia vacanza a Budapest (e dintorni). Nei prossimi post vi parlerò della città in modo più approfondito, svelando curiosità e aneddoti interessanti e scrivendo un post totalmente dedicato ai turisti vegetariani (e si sa che la cucina tipica è fortemente carnivora).

Nel frattempo innamoratevi della capitale ungherese con questo meraviglioso video e con le foto che testimoniano come Budapest sia nella mia classifica delle città più belle che abbia mai visto.

Budapest Cityscape from Joe Simon Films on Vimeo.

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

Cosa ne pensi?