Le curiosità di Edimburgo

viaggiovagando edimburgo

Traversa della Royal Mile

Edimburgo, conosciuta anche come l’Atene del Nord, è un incredibile intreccio di storia, folkore, leggende e misteri. Un morbido tetto di nuvole grigie copre la città per la maggioranza del tempo, le strade sono spesso lucide a causa della pioggia sottile e i palazzi scuri rendono le vie tenebrose. Nonostante i mesi passati invano ad adattarmi al clima britannico, visitare Edimburgo con brutto tempo non è stato per niente spiacevole, anzi, credo che la sua bellezza sia stata accentuata e capisco perché abbia ispirato numerosi scrittori, tra cui Conan Doyle e J.K. Rowling.

Per sfruttare al meglio il nostro poco tempo, le mie amiche ed io abbiamo optato per un free walking tour per un primo sguardo alla città. La nostra guida si chiama Paulina, ragazza nata in Polonia, vissuta per anni a New York, insegnante di inglese in Italia per un periodo e ora ospite scozzese. In questo modo iniziamo a visitare la Old Town, impariamo fatti storici (la Scozia è ricca di storia ed il suo popolo è fortemente patriottico) e ascoltiamo numerosi aneddoti curiosi. Lo sapevate che Edimburgo è la città con il maggior numero di pub pro-capite? Avete ancora l’imbarazzo della scelta su dove passare la serata?

edimburgo dall'alto

Panorama di Edimburgo e vista della Calton Hill

Paulina ci racconta le curiosità legate alle statue delle piazze intorno alla Royal Mile e all’umorismo particolare degli artisti scozzesi. Ecco un esempio: guardate la statua di Alessandro Magno nel giardino dell’Edinburgh City Chambers. Non notate niente nel cavallo? Lo scultore John Stell, per vendicarsi di non esser stato pagato il compenso accordato, ha scolpito le orecchie di un maiale al posto di quelle equine. Ci sono altri esempi del genere…

Altri aneddoti riguardano le umiliazioni in pubblico, specie per le donne che venivano accusate di stregoneria. Queste si svolgevano maggiormente nella Grassmarket e nella piazza del Mercat Cross, accanto la chiesa di St. Giles, nella quale avveniva qualsiasi tipo di proclamazione, dagli annunci della successione al trono, alle elezioni parlamentari, fino ai roghi e alle punizioni esemplari.

curiosità su EdimburgoNella stessa piazza è possibile notare un mosaico a forma di cuore, ovvero l’Heart of Midlothian. Sebbene tutti i turisti pensano sia estremamente carino, magari per una foto di coppia, Paulina ci consiglia di non passarci sopra: è il luogo più “sputato” della città. Ebbene sì! La storia è molto antica: un tempo i criminali in libertà e gli stessi detenuti sputavano sul cuore in segno di disprezzo dove un tempo esisteva la prigione di Tolbooth. In tempi più moderni la scena si ripete tra tifosi di calcio. I tifosi del Hibernian F.C. sputano sul simbolo della loro squadra rivale, la Heart of Midlothian F.C. Dopo questi aneddoti, il cuoricino incastonato nella Royal Mile ha perso tutto il suo romanticismo.

Altra pausa del tour in una delle traverse della Royal Mile. Anche le parolacce hanno la propria storia: il termine shit-faced (che significa essere ubriaco marcio) nasce nell’epoca in cui non esistevano gli impianti idraulici nelle case. Gli abitanti avevano quindi il permesso di gettare dalla finestra i loro rifiuti dalle 6 alle 10 del mattino gridando per avvertire i passanti. Le persone che uscivano dal pub a quell’ora erano certamente barcollante dopo una nottata in fiumi di alcool e non potevano certo rendersi conto degli avvertimenti dalle finestre… immaginate il resto?

Tomba del piccolo Bobby a Edimburgo

Tomba del piccolo Bobby

curiosità di edimburgo

Bobby

Le curiosità continuano anche nel cimitero Greyfriars Kirkyard: la statua di Bobby situata all’ingresso ricorda una storia commovente, come altre famose che riguardano il magico rapporto animali-esseri umani. Dopo la morte del padrone John Gray, il fedele cagnolino è rimasto a vegliare sulla sua tomba per ben 14 anni. Entrambi sono seppelliti qui, non lontani uno dall’altro.

Durante la visita al cimitero la nostra guida ci racconta la storia macabra dell’Edinburgh Medical College. I furti di cadaveri erano molto frequenti per avere corpi a disposizione per  le dissezioni gli studenti di medicina. I parenti controllavano i propri cari anche molto tempo dopo il funerale per evitare che il corpo fosse rubato e numerose tombe sono protette da grate. Come conseguenza di questi ostacoli, i corpi si procuravano in altro modo: sono molte le prostitute e gli ubriachi spariti nella notte degli anni successivi…

viaggiovagando a Edimburgo

Viaggio al femminile

Le leggende e i fatti misteriosi sono ancora molti, ma voglio lasciarvi un minimo di sorpresa. Consiglio di fare il free walking tour (disponibile in inglese e spagnolo) se volete scoprire le tante storie della città e per fare un primo giro nel centro città.

gplus-profile-picture

Annalisa

Siciliana di nascita e genovese di adozione, classe 1988. Poliglotta, vegetariana e cittadina del mondo con l'ambizione di unire sogni e lavoro in una sola parola: viaggiare.

4 commenti:

  1. Pingback:Edimburgo e tour nelle Highlands| Viaggiovagando

  2. Adoro scoprire le leggende e gli aneddoti di un posto quando lo visito, raccontano molto dei popoli e della loro storia. Alcune storie sono davvero interessanti, altre allucinanti. E’ incredibile fino a dove può spingersi la creatività dell’uomo!

  3. Sto ridendo da sola per l’etimologia di shit-faced: mi è capitato di chiedermi perché si dicesse così e ora lo so 😉

Cosa ne pensi?