I tradizionali Fuochi di Camogli

Ogni anno Camogli, borgo marinaro poco distante da Genova, ospita due grandi eventi che attraggono numerosi visitatori: i fuochi d’artificio e la Sagra del Pesce, ormai ricorrenza da oltre 60 anni. Sono manifestazioni attese da tutti i genovesi come una grande tradizione: con l’avvicinarsi dell’estate la Riviera Ligure accoglie molte iniziative che riuniscono persone di ogni età, soprattutto quando si tratta di spettacoli pirotecnici che ipnotizzano il pubblico con il naso verso le stelle.

sulle ali di un gabbiano

Probabilmente un turista, soprattutto straniero, che visita Genova non è sempre a conoscenza delle manifestazioni che accadono in Riviera. Solitamente si segue un itinerario che porta a Portofino e alle Cinque Terre, ma se il tempo a disposizione lo permette, vedere anche questi piccoli gioielli del nostro territorio è quel qualcosa in più che renderà la vacanza sicuramente indimenticabile; per questo motivo sono molto fiera di aver portato i miei amici stranieri ad assistere ai fuochi di Camogli e all’immancabile falò (e ne sono rimasti estasiati).

Porticciolo Camogli
I fuochi di Camogli sono un omaggio a San Fortunato, patrono dei pescatori. Durante la serata avviene la processione religiosa, con la statua del Santo (con un peso di ben 4 quintali!) trasportata da alcuni volontari con a seguito la banda musicale. Dopo lo spettacolo pirotecnico, la tradizione segue con l’accensione dei falò di strutture alte diversi metri costruite dai quartieri Porto e Pinetto, con soggetti diversi ogni anno. La domenica, il giorno successivo ai fuochi, avviene la Sagra del Pesce, durante la quale tonnellate di pesce fresco vengono fritte nella famosa e tipica padella che ha un diametro di circa 4 metri!

Camogli è una cittadina ligure elegante e romantica, caratteristica per la Basilica di Santa Maria Assunta che si impone sul mare, il porticciolo, i dettagli marinareschi e le case dipinte con numerosi trompe l’oeil. Nella notte antecedente alla Sagra del Pesce, Camogli assume un fascino particolare: tutte le case colorate che si affacciano verso la spiaggia sono illuminate lungo il loro perimetro, creando un’atmosfera quasi da presepe. Allo stesso modo, anche il campanile della Basilica è illuminato, riflettendosi sull’acqua, senza contare la bellezza dei fuochi d’artificio colorati che cadono verso il mare. E’ uno spettacolo eccezionale, poichè la varietà dei fuochi è molta: alcuni ricordano la fiabesca polvere di fata, altri sembrano fiori, altri ancora assomigliano a serpenti dorati che volano nel cielo, mentre alcuni terminano con delle lanterne che scendono lentamente tra le onde.

La magia di questa festa attira numerosi liguri e la strada sul lungo mare è letteralmente invasa. Trovare parcheggio è quasi impossibile a meno che non si consideri di andare nel primo pomeriggio per visitare la città e cenare in uno dei numerosi locali sul mare. Il modo migliore per arrivare è sicuramente il treno, oppure i traghetti che partono dai comuni circostanti e da Genova. Dalla stazione si raggiunge il centro in pochi minuti e ad accogliere i visitatori ci sono anche numerose bancarelle con prodotti alimentari, souvenir, abbigliamento ed accessori.

Falò di Camogli

2 commenti:

  1. E appunto, quanto è bella Camogli?
    Complimenti per il tuo blog, ricco di spunti molto interessanti e di mete da scoprire.
    Tornerò a trovarti, grazie della tua visita!

    • Grazie mille per il commento. Mi da molto coraggio e entusiasmo per continuare a scrivere. Nel frattempo ho spulciato un po’ il tuo blog e penso che ci sia solo che da imparare… Chissà se un giorno ci incroceremo per Genova…

Cosa ne pensi?